Padiglione Venezia

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp

Il “Festival delle Idee” prevede due appuntamenti sabato 24 ottobre al Padiglione Venezia ai Giardini della Biennale all’interno del progetto “Aperture Straordinarie” curato da Giovanna Zabotti, per portare anche in Laguna il mood del Festival e le sue Idee per la rinascita.

La musica apre le danze con l’intervento di una pietra miliare della storia musicale italiana, Mogol, uno degli uomini più famosi del Novecento musicale d’Italia, l’“autore” per eccellenza, che saprà stupirci fra versi e liriche in tema di rinascita.

Sempre sabato 24, il giornalista e scrittore Emilio Casalini ci racconta come rifondare la nostra Patria grazie alla valorizzazione del patrimonio artistico e culturale che le appartiene, per creare un benessere sostenibile grazie all’economia della bellezza.

Mogol

Sabato 24 ottobre ore 15.30 - Padiglione Venezia

Dialoga con Marilisa Capuano, Giornalista e Direttrice Artistica Festival delle idee.

Mogol, l’“autore” per eccellenza, uno degli uomini più famosi del Novecento italiano musicale, saprà stupirci fra versi e liriche in tema di rinascita, insieme all’ideatrice e organizzatrice del Festival delle Idee, Marilisa Capuano.

Dalla straordinaria collaborazione con Lucio Battisti, a quelle con Riccardo Cocciante, Gianni Bella, Mango, Adriano Celentano, Mogol cerca nel futuro la vita attraverso le parole, per far scattare nuovamente quella scintilla che negli anni ’60 diede vita a una svolta epocale nella musica e nella società

EMILIO CASALINI

Sabato 24 ottobre ore 17.00 - Padiglione Venezia

Giornalista di razza, Emilio Casalini è uno dei migliori reporter italiani. Dopo più di vent’anni di reportage, inchieste e documentari, inizia a occuparsi della narrazione della bellezza e dell’identità in Italia, diventando autore e conduttore delle trasmissioni radiofoniche Rai “Bella davvero” (2015) e “#Generazione Bellezza” (2020). La crisi che ci ha schiantati contro il muro ha anche acceso la luce su tutte le toppe e buchi che il nostro sistema porta con sé da decenni.